Cerca nel blog

venerdì 13 novembre 2009

Churros churros churros

Ho provato a cucinare questi dolcetti di pastella fritta e zucchero filato tempo fa, con un risultato a dir poco terrificante: piccole frittelle prive di ogni tipo di gusto hanno preso forma nella padella antiaderente. Il mio tentativo di riprodurre questa leccornia iberica è finita in un vero disastro.

I Churros sono una tradizione della cucina venezuelana così come per altre cucine sudamericane, anche se ebbero origine propriamente in Spagna. Gli immigrati spagnoli, infatti, portarono questo tipico dolce fritto, servito con cioccolata calda, in molti paesi sudamericani, come Venezuela, Argentina, Uruguay, Cile, Colombia, Messico, Cuba e Brasile, tra gli altri. Ogni nazione adattò i churros ai propri gusti autoctoni, ed in questo modo nacque il buonissimo “Churro relleno”, ossia ripieno, che, a differenza degli originali spagnoli, è ripieno di una gran varietà di sapori.

Spesso sono accompagnati da una tazza di cioccolato fumante oppure vengono immersi nel latte caldo, e quest'ultimo caso è proprio l'esempio della colazione domenicale di un madrileno.
Vi riporto la ricetta dei churros caseros, ossia dei tipici churros fatti in casa:

Ingredienti:
1 litro d'acqua
1 kilo di farina 00
sale
olio per friggere

una churrera come quella in foto (o una tasca da pasticcere con bocchetta a stella)


In una pentola piuttosto larga fate bollire l'acqua leggermente salata.
Quando l'acqua starà bollendo gettatevi dentro, tutta insieme, la farina e mescolate con un cucchiaio di legno fino ad ottenere un impasto mediamente omogeneo e morbido lasciandolo poi intiepidire: nel caso fosse troppo duro, è necessario aggiungere dell'acqua caldissima.
Nel frattempo scaldate l'olio in una padella profonda o in una friggitrice.
Introducete un po' dell'impasto nella churrera o in una tasca da pasticcere con la bocchetta a stella. Quando l'impasto sarà uscito dalla bocchetta per almeno 20 cm, allora afferrate l'impasto con le dita e unite l'estremità inferiore a quella superiore formando una ciambellina.
Ogni churro dovrà essere fatto cadere subito nell'olio bollente per friggerlo; è necessario farne pochi per evitare che si brucino. Devono rigorosamente essere fritti in abbondante olio bollente.


...e buon appetito!

Nessun commento:

Posta un commento