Cerca nel blog

martedì 22 dicembre 2009

Madrid e i suoi pedoni

Manu lo diceva sempre, che qui non teniamo troppa civiltà... mi spiego, effettivamente qui poco spesso le macchine si fermano per farti passare, tu pedone che sei al lato della strada cercando di incrociare lo sguardo dell'autista della macchina di fronte perchè si decida a rallentare e cederti così il via libera. A Madrid ammetto che basta un cenno, e le macchine si fermano e pazientemente attendono finchè non attraversi le strisce.

Difatti, Il Pais parla di come a Madrid vi sia il meglio e il peggio per i pedoni: il tratto più sicuro per questi ultimi è all'angolo di Calle de Alcalà con la Gran Vìa. Vi è un'estrema visibilità, le strisce sono accessibili e soddisfacenti. Esattamente di fronte c'è un altro tratto con visibilità del tutto insoddisfacente sia di giorno che di notte.

Un gruppo di ingegnieri italiani (cosa non facciamo.....) ha analizzato 310 strisce pedonali in 22 paesi europei per le ultime statistiche dell'Eurotest: 30 di loro sono ripartite tra Madrid, Barcellona e Siviglia. Madrid possiede quattro "soddisfacenti" passaggi pedonali e altri sei "accettabili". Il più chiaro che ottiene più punti è il percorso pedonali che attraversa Siviglia dal paseo de Cristóbal Colón fino al puente de Isabel II.













Le migliori strisce pedonali? A Bratislava.


Le peggiori? A Milano (completamente ricoperta di valutazioni negative)

:D

Nessun commento:

Posta un commento