Cerca nel blog

venerdì 10 dicembre 2010

Si tù me olvidas / P.Neruda


QUIERO que sepas
una cosa.

Tú sabes cómo es esto:si miro
la luna de cristal, la rama roja
del lento otoño en mi ventana,
si tocojunto al fuego
la impalpable ceniza
o el arrugado cuerpo de la leña,
todo me lleva a ti,
como si todo lo que existe,
aromas, luz, metales,
fueran pequeños barcos que navegan
hacia las islas tuyas
que me aguardan.
Ahora bien,
si poco a poco dejas de quererme
dejaré de quererte poco a poco.

Si de pronto
me olvidas
no me busques,
que ya te habré olvidado.

Si consideras largo y loco
el viento de banderasque pasa por mi vida
y te decides
a dejarme a la orilla

del corazón en que tengo raíces,
piensa
que en ese día,
a esa hora
levantaré los brazos
y saldrán mis raíces
a buscar otra tierra.
Pero
si cada día,
cada hora

sientes que a mí estás destinad(o)
con dulzura implacable.
Si cada día sube
una flor a tus labios a buscarme,

ay amor mío, ay mí(o),
en mí todo ese fuego se repite,en mí
nada se apaga ni se olvida,
mi amor se nutre de tu amor, amad(o),

y mientras vivas estará en tus brazos
sin salir de los míos.



venerdì 26 novembre 2010

Storia della Lingua Spagnola - Lez. 4

EL PERIODO ÀRABE

Las invasiones de los germanos provenientes del norte no fueron las ùnicas que agitaron al mundo romano, de hecho hubo otra invasiòn que comenzò en el siglo VII y que conquistò extensos territorios imperiales: fue la invasiòn de los pueblos musulmanes.

La doctrina del Islam ( 'sumision' a la voluntad divina ) està plasmada en el Coràn ( 'la recitaciòn' ) y se basaba en la creencia esencial en el Diòs ùnico (Alà) y su profeta (Mahoma), la cuàl tenìa que estar acompañada por la oraciòn, el ayuno y la caridad. Bajo esos preceptos el individuo llegaba a ser un mùslim, un 'sumiso' (musulmàn)

Resumendo, el Islam se basaba en:
  • el monoteismo
  • la submisiòn total a la voluntad divina
  • el ègira: migraciòn desde Medina hasta La Mecca, predicada por Mahoma en el siglo VII (empieza asì la Guerra Santa a los infieles)
España, en evidente estado de crìsis, fue conquistada en 7 años: los vascones se negaban a reconocer Don Rodrigo, que estaba en campaña contra ellos, pero màs que nada habìa un grupo de señores visigodos y hispanorromanos descontentos del nuevo rey, lo cual los llevò a pedir auxilio al caudillo musulmàn (que ocupaba ahora la orilla sur del Estrecho de Gibraltar)
Los musulmanes cruzaron el Estrecho en el 711 y Don Rodrigo fue vencido y muerto en una batalla: Tarik, victorioso, se lanzaba ya a la conquista del reino visigòtico de Hispania (llamada despuès Al-àndalus)





Paralelamente a esta historia musulmana, se desarrolla la de la Reconquista, lento proceso de recuperaciòn del territorio peninsular por parte de los cristianos, que habrìa de culminar el 2 de enero de 1492 cuando Boabdil, rey de Granada (ùltimo bastiòn musulmàn), hizo entrega de la ciudad a Isabel de Castilla y Fernando de Aragòn.

La convivencia entre judìos, cristianes y musulmanes dio origen a tres nuevos grupos sociales:
  • los mozàrabes, o sea los cristianos que, a cambio de fuertes tributos, permanecieron en la España musulmana conservando su religiòn y aùn su organizaciòn eclesiàstica y judicial (los mozàrabes escribieron la " jarcha ", primera manifestaciòn literaria del 'romance')
  • los muladìes, o sea los hispanos convertidos al islam
  • los mudèjares, musulmanes que quedaron en territorio reconquistado por los cristianos
  • los moriscos, mudèjares que renegaron de su fe y se convirtieron al cristianismo
La lengua hispanica y àrabe tuvo una fuerte compenetraciòn, por la cuàl nacen arabismos y " prestamos " (el àrabe se convirtiò como lengua oficial de muchas zonas hasta 1492) : tenemos asì fenomenos de adiciòn (el lèxico àrabe fue aceptado en la lengua 'romance' castellana) y substituciòn (palabras castellanas que se sustituyeron por aquellas àrabes)
Llegamos al verdadero bilinguìsmo (o almenos, en las zonas repobladas por la poblaciòn castellana) a partir del siglo X , cuando los cristianos empiezan a expanderse desde el norte hasta el sur.

Veamos ahora las caracteristicas generales de los arabismos:
  • son tèrminos relativos a cosas materiales, a la vita militar, al comercio
  • son sobretodo substantivos
  • empiezan solitamente por 'a', 'al' (los articulos àrabes eran invariables y los castellanos los interpretaron como parte de la palabra, por ejemplo 'al-zeit' = aceite)
  • incorporaciòn del morfema 'ì' como sufijo de adejetivos y gentilicios (israelì, iraquì)
  • uso de 'de + pronombre personal en vez de posesivo' (las pisadas dellos - sus pisadas)
  • empleo de las formas verbales de 3 o 2 persona, con valor impersonal
  • orden de palabras: el orden normal en àrabe es de Verbo-Sujeto-Objeto a pesar de que el español siempre ha sido lengua de tipo SVO
  • màs de 4000 las palabras aportadas del àrabe al español; muchos los topònimos como Alcalà 'castillo', Medina 'ciudad', Guadalajara 'rio de piedras', Guadalupe 'rìo de cascajo negro'
  • calcos linguìsticos: ètimo latìn " enfante " (recièn nacido) , al àrabe solìa corresponder dos significados a esas palabras, entre los dos la de " hijo del rey ". En el castellano de hoy, esta palabra significa sobretodo hijo de rey.


domenica 14 novembre 2010

Storia della Lingua Spagnola - Lez. 3

Los estudiosos, desde partir de la presencia o ausencia de los rasgos celtas, distinguen entre:
  • romania occidental (norte de Italia, Alpes orientales, Galia, Ispania) que tiene influencia celta muy fuerte
  • romania oriental, dejada de los celtas
Es probable que los colones que se asientan en la Valle del Ebro y zona terraconense sean procedentes del centro-sur Italia y algunos rasgos linguìsticos permanecen despuès del latìn, confluyendo en el español. Los Romanos que llegan a España no tienen todos el mismo nivel cultural, la misma origen: los funcionarios politicos adquieren latìn màs rico; entre los mercadores en la zona Terraconense se difunde el latìn popular, en cambio en la zona Baetica (Andalucìa) el latìn se difunde màs culto y con caractèr purista y conservador (porque pertenece a las colonias patricias)

La romanizaciòn empieza en el 218 aC y no fue eterogenea en la Penìnsula. Fue en cambio lenta y no tuvo la misma intensidad: la latinizaciòn se produce primero en las ciudades y hoy en dìa el español tiene numerosos rasgos arcaizantes y conservadores, tipicos del latìn pre-clasico:
- preguntar, de percuntari
- trigo, de tricum
- cuyo, de cuius

Veamos como el español nazca de una variante diafàsica (oral) del latìn vulgar, aunque tenemos muy pocos documentos.

El siglo IV ve debilitado al Imperio Romano, llegan vandalos y godos desde el Baltico: introducen barbarismos, nuevas palabras, vandalismos.
A consecuencìa de las nuevas invasiones:
  • el cristianesimo se difunde (religiòn oficial con Costantino) con lèxico especìfico
  • incremento de diminutivos (etimo+sufijo)
  • Cambios semanticos: restricciòn significativa de la sintaxis (cugnatu era pariente general, hoy cuñado es el novio de mi hermana) y ampliaciòn semantica (pàjaros son todos, y no solo el gorriòn)
  • sostituciòn lèxica para evitar consecuencias nefastas (infermum - debole contra aegro - malato)
PERIODO VISIGODO
De todos los pueblos que llegan a España el màs importante fue el visigodo, a partir del 507 dC. Los visigodos fundan la capital en Toledo. Se presentan todavìa dos obstàculos importantes: el obstàculo religioso se debe al hecho de que, mientras los hispanorromanos eran catòlicos, los visigodos profesaban el arianismo, doctrina que negaba la divinidad de jesùcristo. En el plan juridico, el gran problema derivaba de la diversidad de leyes que seaplicaban a uno y otro pueblo.




El reino de los visigodos sobre toda Hispania durarìa hasta el siglo VIII, cuando el rey Don Rodrigo fuera derrotado en 711 por los àrabes en la batalla de Guadalete, año en que se produjo la invasiòn musulmana de la Penìnsula.

El latìn vulgar, que era uniforme, deja de serlo: las provincias quedaron en aislamiento.

Tu mirada me hace grande - M. Nerea

Tu mirada me hace grande /
y que estemos los dos solos /

dando tumbos por Madrid

sin nada que decir

porque nada es importante /
cuando hacemos los recuerdos /
por las calles de ... Madrid


sabato 13 novembre 2010

Storia della Lingua Spagnola - Lez. 2

El cambio linguìstico puede afectar todas las palabras, los paradigmas:

- el español es una lengua muy conservadora, antes de las inovaciònes linguisticas, antes de los anglicismos (fùtbol, champù, bèisbol..)
- una lengua sufre un cambio notable a travès de palabras patrimoniales (palabras que se usan a partir de sus formas latinas) y cultismos (palabras que entran por via escrita y en època tardivas, cuando la lengua española està ya formada)
- a veces encontramos una palabra culta y una palabra popular, para identificar un mismo ètimo: esto efecto linguìstico se llama " alotropìa " / doblete [ nocte: noche (pop.) y nocturno (cult.) ]
- palabras que empiezan con s liquida " studio " , empiezan todas con E
- cambio de ètimos: cuando hay dos palabras uguales que significan dos cosas diferentes, se introduce otra palabra
- los sìmbolos graficos pueden corresponder a diferentes fonemas: grafìa y fonetica a veces sufren del cambio linguìstico ( mèxico es la grafia tradicional, mèjico es la grafia inovadora pero la pronunciaciòn queda siempre J - jota)


Todas las lenguas indoeuropeas y no-indoeuropeas influyeron como sustrato en el latìn.
Vemos ahora los pueblos que estaban ya en España, antes de que llegaron los Romanes.

PUEBLOS PRE-ROMANOS NO INDOEUROPEOS:
- los tartesos vivìan en la zona del Guadalquivir, una de las primeras zonas donde se encuentra la escritura (adoptaban un sistema silabico y alfabetico mixto, gracias a los mercantes cartagineses)
- los iberos se situaban en toda la franja costera Mediterranea; eran una comunidad agricola con un sistema politico de caracter igualitario. Habìa:
  • iberos meridionales (zona oriental de Andalucìa y la costa mediterranea de Murcia)
  • iberos levantinos (Alicante y toda la costa hasta el sur de Francia)
La escritura iberica contaba con signos alfabeticos para vocales, sibilantes y nasales.
- vascones, cantaros y astures: pueblos situados de una parte y otra de los Pirineos. Estos son pueblos al margen de la cultura por su posiciòn, no llegaron a ser totalmente latinizados




PUEBLOS PRE- ROMANOS INDOEUROPEOS:
- los celtas, en la zona central y occidental, al margen de la influencia mediterranea
- los celtìberos, poblaciòn situada en la Meseta Central, cerca del Rìo Ebro
- los galaicos, al extremo norte occidental de la Penìnsula, tienen una cultura relacionada con el mundo atlantico

Guardatevi il video, è veramente molto chiaro !


Storia della Lingua Spagnola - Lez. 1

Voglio condividere con voi le mie lezioni di Storia della lingua spagnola, corso impartito in lingua dalla professoressa Maria del Carmen Navarro.

Ricostruisco il discorso riassumendo a mio piacere, basandomi sugli appunti presi a lezione :)

Simplemente, el curso quiere presentar la lengua española a nivel diacrònico, o sea recorriendo toda su historia, desde el principio hasta hoy en dìa. Quiere echar un vistazo detallado a las situaciones donde el cambio linguìstico ocurre en el tiempo.

¿Donde ocurre, por la mayorìa?
Principalmente, a nivel oral; el nivel fònico es lo que cambia màs en el tiempo, sufriendo asì una evoluciòn linguìstica. Nosotros, los hombres, realizamos ese cambio linguìstico.

Ya sabemos, ninguna lengua (tanto històrica como hodierna) constituye una unidad: de hecho es esa un conjunto de isoglosas, es decir un conjunto de variantes.
Variantes que pueden ser:
- diatòpicas (varìan respecto al lugar)
- diastràticas/diafàsicas (las diferencias en àmbito social, clases sociales diferentes)

Español: ¿Cuàndo nace? Varias son las hipòtesis que atestan el nacimiento de nuestra lengua; por cierto, tenemos que basarnos en los documentos. Hubo un tiempo en el que la lengua española no existìa: es esta un desarrollo del latìn, pero el latìn no va a llegar a la Penìnsula Iberica sino en el siglo III aC.
Los primeros textos que se conservan en castellano datan del siglo XI aC: son las GLOSAS EMILIANENSES y las SILENSES. Las primeras documentan el habla popular de las tierras altirriojanas (CASTILLA nace en el sur de Cantabria, norte de Burgos y oeste de La Rioja) y recojen al mismo tiempo las primeras frases escritas en euskera. Este romance, hablado en La Rioja en el siglo XI, està separado de latìn original y es el germen de la que serìa la lengua nacional (español castellano) .

Pero regresamos un poco y preguntèmonos: ¿Quiènes eran los que estaban en España, desde el siglo XII aC?
Pues los primeros en arribar a las costas españolas fueron los fenicios, fundaron Gadiz (actual Càdiz) y llamaron al territorio ibèrico ISEPHANIM (costa o isla de conejos) . Esta palabra fue transformada en "Ispania" por los cartagineses, de aquì la actual " España ". Desaparecidos fenicios y griegos, surgen los cartagineses y los romanos.

Veamos el mapa linguistìco de la España prerromana:
- en el norte, desde Cantabria hasta los Pirineos, hay poblaciòn de lengua vasca
- en el este, el ibèrico
- en el sur el tartesio (emparentado con el etrusco) y nùcleos de lengua fenicia y pùnica
- en el centro, oeste y noroeste, el celta (con la variante de celtìbero)

La ùnica que va a resistir a los embates del tiempo y de la romanizaciòn serà el vasco (euskera)

Los romanos seràn los " creadores " del monolinguismo en casi toda la Peninsula, en una situaciòn asì de representada:
- sustrato (lengua que queda sumergida a consecuencia de una invasiòn de cualquier tipo, en este caso la romana; la lengua primera se extingue dejando huellas en la lengua segunda)
- romanizaciòn
- superestrato, cuando el pueblo invasor no logra desplazar la lengua del pueblo invadido; aquèl adopta la lengua de èste. El latìn tendrà superestrato visigodo y àrabe

Despues de la romanizaciòn se crean los romances.

El estado español cuenta con tres lenguas romances:
- castellàn
- catalàn
- gallego
(el vasco es da considerarse lengua pre-romance, es decir pre-llegada de los romanos)
Tambièn se le llama a español " sefardita " la lengua hablada por àrabes y judios expulsados de España en 1492 (fin de la reconquista) : seguiron hablando castellan donde se establecieron.

...frente a las actuales cinco lenguas cooficiales de la Peninsula:
- el " català ", cooficial en Cataluña, Baleares y Comunidad Valenciana (el valenciano es considerado dialecto del catalàn)
- el vasco (euskera), lengua no-indoeuropea, cooficial en Euskadi y en algunas zonas de la Navarra. El basco tiene numerosos dialectos y la oficial es la forma llamada " batua ".
- el gallego, cooficial en Galicia. Estrechamente emparentado al portogues y hablado en Galicìa, norte de Portugal, ...
- el aranès, cooficial en la Val d'Aran en Cataluña (dialecto occitano del gascòn) .

venerdì 12 novembre 2010

RAE: cambi... ortografici

Leggo su El Paìs riguardo alla decisione della Real Academia Española di " riformare " (non di " rivoluzionare ", come tengono a precisare) la nuova edizione dell' Ortografìa de la lengua española (l'ultima risaliva al 1999).
Il cambiamento viene effettuato in funzione di regole ortografiche coerenti, sia all'uso che ne fanno i parlanti, sia alle vigenti norme grammaticali.

A fine mese, durante la Feria del Libro de Guadalajara (Mèxico), la nuova edizione verrà definitivamente approvata, ma vediamo quali sono le innovazioni certe approvate in settimana:

" La i griega sarà ye " : sappiamo che l'alfabeto spagnolo accoglie pronunce differenti rispetto ad una sola lettera ( esiste la "be" be alta e la "b" be bassa; esiste la "uve" be bassa e la "v" be corta,...) : la nuova Ortografìa propone un solo nome per ciascuna lettera ( "be" per B, "uve" per V, "doble uve" per W, "ye" per Y, qui sopprimendo la consueta " y griega " ). Semplificazioni.

"Ch ed ll non saranno più lettere dell'alfabeto " : dal '99 CH ed LL sono considerate segni ortografici di due lettere, ma rimangono tuttavia nell'alfabeto. La nuova edizione le sopprime " formalmente " , dunque l'alfabeto arriverà a 27 lettere.

" Solo cafè solo, senza tilde " : due sono gli usi dell'accento grafico che tradizionalmente si associano alla tilde diacritica (per intenderci, quella che differenzia due parole di forma uguale ma di significato diverso, vedi "dè" voce verbo dare e "de" preposizione) : 1. quello che oppone i dimostrativi este, esta, estos, estas, contro i pronomi eso, esa, esos, esas 2. quello che marcava l'avverbio (llegaron solo hasta aquì) contro al valore aggettivo (vive solo) .

La scelta è quella di non mettere la tilde nè ai dimostrativi, nè a " solo " (salvo eccezione di ambiguità)

" Guion, anche questo senza tilde " : finora la RAE considerava come monosillabiche le parole che includevano una sequenza di vocali, pronunciate come iati. Esiste-va guion-guiòn, riais-riàis, Sion-Siòn ... la nuova Ortografìa decide che queste parole si scrivano sempre senza tilde, evitando così di condannare versioni di scrittura corrette e incorrette.


"4 o 5 e non 4 ò 5 " : finora la congiunzione si scriveva con la tilde quando appariva tra cifre, l'unica parola atona che poteva portare tilde. Succede che le tastiere del computer hanno eliminato il pericolo di confondere la normale lettera O con lo 0. Di qui l'esigenza di adattarsi ed eliminare.. il superfluo.

Infine suggeriscono.. " Catar e non Qatar " : la lettera K è totalmente spagnola, dunque si elimina la Q, doppione di k, visto che la pronuncia è la stessa (nel caso in qui non vi siano Q+uo, Q+ui ...)


Inizialmente temevo di fronte ad innovazioni troppo.. europee.
(Ma qui ragazzi faccio un passo indietro, ...io, che manterrei omne anzichè hombre.)

:P


Volver ..

Non aggiorno questo mio angolino felice da parecchio tempo, TROPPO tempo.

Mi ero promessa di prendermi cura di lui, di seguirlo anche solo qualche giorno alla settimana.. Il tempo scorre, e io non ci sto dietro.
La Spagna rimane lì, immensa, a ricordarmi, come qualcuno dice, di " non perdere le buone abitudini " .. di ritornare ad aggiornare, perchè non facendolo è come compiere un reato.

...perchè sono così tragica?

Beh, un post è riduttivo, un post è NIENTE, per ringraziare chi mi ha lasciato una mail, un messaggio privato, un messaggio veloce .. per incitarmi a continuare ad utilizzare questo spazio virtuale come fosse " cesto " alle " gocce " di Spagna.


Grazie anche a chi mi ha semplicemente chiesto un'informazione riguardo alla letteratura, riguardo a ciò CHE MI PIACE... non c'è cosa che faccio più volentieri, che risponderVi e leggerVi.

Mi avete convinto, tornerò a riproporre qualcosa.
Tempo o meno...

España's calling!


venerdì 17 settembre 2010

Buen cumple, Mexico!


Centinaia di migliaia di persone hanno invaso le strade di Città del Messico in occasione dei festeggiamenti per i 200 anni di indipendenza del paese.

Al grido di "Viva Mexico" hanno danzato lungo una sfilata di carri allegorici con serpenti giganti, cactus e guerrieri incas, assistendo ai numerosi concerti fino a tarda notte. La zona più importante della città per la festa sono state la gigantesca piazza dello Zocalo e la Avenida Reforma, dove sono sfilati carri e figure allegoriche che ricordavano la storia del Messico. La sfilata è stata trasmessa anche su 45 megaschermi appena fuori dal centro. Nelle strade sono stati allestiti palchi dove, nei prossimi giorni, si svolgeranno concerti e rappresentazioni.



Il presidente Calderon ha suonato la campana originale utilizzata per celebrare l'indipendenza dalla Spagna nel 1810, suonata da padre Miguel Hidalgo sul balcone che domina la piazza Zocalo. Al grido "Lunga vita all'indipendenza, lunga vita al bicentenario, lunga vita al Messico!" la folla ha risposto con grida di gioia e fuochi d'artificio.

giovedì 16 settembre 2010

Celedon hay una casa nueva con ventana y balcon!

Lascio la parola a Pietro per un altro dei suoi interessanti post (il blog ringrazia, visto che d'estate vado in villeggiatura io e con me la mia voglia di seguire blog e spazi virtuali :-) )

" Come sempre a fine estate si fa un resoconto delle vacanze, quasi dandogli un giudizio come a scuola e, passate alcune settimane, quando i ricordi vengono a meno, si ripercorrono quei momenti indimenticabili, quei singoli episodi che volente o nolente ci rimangono impressi per molto tempo. Riguardo a quest'estate, uno dei ricordi migliori e più emozionanti l'ho avuto alle ore 18 del 4 agosto....

Località Vitoria, Plaza de la Virgen Blanca.

In questa piazza, situata nel centro di Vitoria, sovrastata dalla statua della Virgen Blanca, il 4 agosto alle ore 18 in punto iniziò la Fiesta de Vitoria, prima in ordine temporale (e a nostro avviso anche di importanza) delle feste che segnano il calendario agostiano dell'Euskadi. Ho già avuto modo di assistere a tre chupinazos in Pamplona, cioè al momento in cui un razzo annunciatore della festa viene lanciato dal municipio pamplonese.

Gia conscio di quello che mi aspettava dopo una mattinata turistica in quel di Bilbao, mi sono preparato a suon di tapas e cervezas (in tutta sincerità poche tapas e molta ma molta birra) all'ora X. Pian piano, dalle 3 del pomeriggio, la piazza ha iniziato a cambiar volto, migliaia di giovani (dai giornali alla fine eravamo circa 40000...) iniziavano ad affollare la piazza carichi di bevande e con il classico cappello arancione in testa, donato da una compagnia telefonica all'ingresso della piazza.
Trovato il mio posto ideale, vicino ad un bar ma con una visuale che non potesse precludermi la vista sulla balconata dove è posta la statua della Blanca, ho avuto modo di assaporare nel giusto modo l'attesa, fino al momento in cui le campane seguite da un razzo hanno segnato l'inizio del delirio. Alcol in aria a volontà, migliaia di sigari accesi all'unisono, baci e abbracci amichevoli hanno accompagnato questi secondi, mentre dal campanile della chiesa iniziava la discesa di un fantoccio raffigurante El Celedon,personaggio con camicia a quadri, basco in testa e scarpe di tela con le stringhe legate fin oal ginocchio. Questo personaggio riprende un vecchio campagnolo, anzi molti vecchi campagnoli, che a inizio 1800 solevano scendere dalle campagne in Vitoria per il mercato settimanale, con il loro abbigliamento caratteristico, e che finivano sempre in un bar a ubriacarsi "sperperando" i loro pochi denari così anzichè usarli per la spesa.






Lungo la sua fune, questo fantoccio passa sopra a tutti noi accompagnato dal canto Celedon hay una casa nueva Celedon con ventana y balcon,visto che la sua corsa finisce nella parte opposta della piazza, in una finestra dove scompare dietro una tenda per riapparire dopo alcuni secondi in carne e ossa. Questa tradizione inizia nel 1957 e da allora 4 sono i Celedon veri che si sono succeduti in questi anni.

Oggi il personaggio risponde al nome di Gorka Ortiz de Urbina, giovane Vitoriano alla sua decima esperienza in queste vesti.
Con una nutrita schiera di aiutanti, apre il suo paragua e accende il suo sigaro e a forza di spintoni ripercorre il percorso a ritroso verso la base della chiesa dove arriva, al suono della canzone cantata precedentemente, alternata con l'inno dell'Alaves (la provincia dove è situata Vitoria) e finendo il suo discorso con un Gora Euskadi Gora Gasteiz che ci fa ricordare in che regione siamo.

Fortuna vuole che il giorno dopo, vagando in piena notte per le vie di Vitoria, ho avuto modo di incontrare tale ragazzo e di scattarci alcune foto. Molto disponibile, sorpreso dal fatto che un italiano conoscesse la sua storia e lo riconoscesse, ha trascorso alcuni minuti a parlarci del suo ruolo istituzionale, dopo essere portato via a forza da alcune ragazze sicuramente più avvenenti di me che volevano assolutamente bere qualcosa insieme a lui.

Le notti e i giorni di festa sono trascorsi molto velocemente; quel 4 agosto alle 18 rimane un ricordo indelebile, come spero rimarrà nei ricordi il prossimo 6 luglio alle 12.... "

giovedì 26 agosto 2010

Sulle tracce di Alba Reta con Pietro

Che sia il vostro stile di vacanza o che non lo sia, leggetevi bene questo post di Pietro, che qualche settimana fa ha percorso le tappe di Vitoria, di Estella e di Segovia (con un pellegrinaggio sacrosanto in quel di Madrid) senza tralasciare la tradizionale visita a qualche ganaderìas.
Nel post sottostante ci parla dell'allevamento di tori di Casta Navarra, Alba Reta.

" In un minuscolo paese della Navarra vicino a Estrella abbiamo avuto la fortuna di visitare, anzi, di ritornare, nell’allevamento di tori di Casta Navarra ALBA RETA .

A farci da guida un fidato amico, Luis Javier Crespo, ex bancario con una passione sconfinata per i tori: corridore di encierros alla veneranda età di 66 anni, presidente di un’associazione che cerca di salvaguardare e promuovere questa casta di tori (che in passato ha rischiato di estinguers) , pamplonese DOC trapiantato nella vicina Estrella per motivi matrimoniali.
Immagino che molti lettori non sappiano minimamente cosa sia la casta navarra, anche se più o meno tutti conoscono il nome di un toro di questa “razza”. Infatti la Lamborghini chiamò Murcielago una sua autovettura, onorando così un toro navarro indultato durante una corrida (toro diventato famoso in Spagna per essere stato donato all’allevamento storico per eccellenza, i Miura) .

Quando arriviamo sappiamo di non essere davanti agli allevamenti andalusi, sterminati e in mano a ricchi possedenti, ma ci troviamo in una piccola tenuta, a conduzione familiare e con parecchi aficionados che passano il loro tempo libero qui. Ad accoglierci è il ganadero Miguel Reta, pastore dell’encierro di Pamplona all’altezza della curva dell’Estafeta, scrittore di alcuni libri taurini, coordinatore di un progetto universitario sempre a carattere taurino . Sono ben visibili su di lui i segni della vicinanza con i tori: infinite cicatrici segnano infatti in maniera indelebile il suo corpo. Con lui il padre, simpaticamente definito il mayoral, perché è lui che fa l’uomo di fatica qui dentro, che manovra il trattore sotto gli ordini del figlio e che è anche l’incaricato alla cucina, che ovviamente abbiamo avuto modo di provare .



La prima cosa che ci dice Miguel è che da Alba Reta si mangia e si beve insieme, ci si sporca le mani e si parla di tori. Subito ci spostiamo verso i corrales, le stalle, e osserviamo come i circa 200 tori vengono spostati per l’allevamento, rigorosamente a piedi anziché a cavallo, perché in Navarra la tradizione è questa: i tori sono divisi in base all’età per permettere a tutti di mangiare in ugual misura altrimenti, nonostante gli animalisti pensino che gli animali siano così democratici e buoni, i tori più vecchi non permetterebbero ai giovani di mangiare, facendoli così morire di fame. Dopo la comida, Miguel e i suoi collaborati selezionano alcuni animali che alla sera sarebbero serviti per un festejo populare di uno sperduto paese aragonese.

Infine, arriva la comida anche per noi. Pancetta e uova alla piastra innaffiati di abbondante vino, calimocho e birra, e un vociare continuo in sottofondo. Oltre a me e alla mia guida, a farci compagnia Miguel e suo padre, Ricardo e Oscar, recortadores di fama nazionale che spesso si esibiscono a Pamplona. Un altro giovanissimo aficionado è un bambino di 2 anni, che è teneramente scoppiato a piangere quando ci siamo allontanati dai tori (già col bastone da pastore in mano, pretendeva di stare con “las vacas” ) . E’ da queste cose che si capisce come gli spagnoli abbiano nel dna la tauromachia e i tori. La tertulia passa dal problema dei colombi, che portano malattie da un allevamento all’altro, alla festa di Estrella, finita il giorno prima, con i suoi encierros, gli spettacoli taurinie ovviamente le notti infinite a far baldoria .

Miguel ci dice che spesso durante l'anno il ganadero della mitica ganaderia, Victorino Martin, fa visita qui per un recente progetto di selezionare alcuni animali adatti a essere toreati. Infatti è dal 2003 a Ceret che un allevamento di casta Navarra non viene toreato nell'arena. Questi tori e queste vaquillas sono destinati infatti ai festejos populares, liberati per strada o nell'arena, durante feste di addio al celibato e matrimoni, feste aziendali e di società sportive; oppure come ci dice Luis Javier, vengono sacrificati per chuletas.... Anche Josè Padilla, torero per cui la nostra peña nutre una gran stima, visita spesso Alba Reta. Non per un fatto economico, lavorativo o simili, ma semplicemente perchè li si trova bene e non è difficile capirne il motivo...

Ci sentiamo a casa da Alba Reta perché è ormai un mondo che ci appartiene, è il mondo dei tori e della Spagna e quando Miguel ci ricorda che possiamo tornare quando vogliamo e con chi vogliamo, perché quella non è la sua ganaderia ma anche la nostra, riusciamo anche a commuoverci.
Viene quindi l'ora dei saluti, è il momento della siesta. "

venerdì 20 agosto 2010

Spagna e aborto

Aborto libero e gratis, dunque maggiori guadagni per le cliniche private. Può sembrare un paradosso, ma in Spagna non lo è: solo l’1,94% degli aborti si realizza negli ospedali pubblici, mentre oltre il 98% rappresenta un business milionario per le cliniche private, soprattutto ora che la riforma apre la strada alle sedicenni che possono abortire senza il consenso di mamma e papà.
La riforma, entrata in vigore dal 5 luglio, ha trasformato l’aborto in un «diritto» entro la 14ª settimana di gestazione. Il tutto in modo gratuito. Il paradosso è segnalato da Gador Joya e Ignacio Arsuaga, responsabili delle associazioni «Diritto di vivere» e «Fatti sentire», al quotidiano Abc: la nuova legge farà moltiplicare i ricavi delle cliniche private.
La ragione è semplice. Anche se in teoria la normativa garantisce a tutte le donne il "diritto" di abortire nella propria regione attraverso il sistema sanitario, per l’obiezione di coscienza dei medici ospedalieri le pazienti vengono inviate a cliniche private che hanno accordi con le regioni.
Per gli istituti abortisti è una vera manna: oltre a guadagnare con le donne che si rivolgono a loro privatamente, ricevono compensi anche dalle casse pubbliche. L’Abc ha fatto i conti in tasca al settore abortista. Per interrompere una gravidanza di 12 settimane le cliniche chiedono fra i 345 e i 440 euro; se il feto ha 14 settimane l’intervento costa 475 euro; se è di 20 settimane, ne servono 1.470. Per gli aborti fino a 22 settimane il prezzo sale a 1.655 euro. Ogni anno il conto globale delle regioni potrebbe oscillare fra i 35 e i 52 milioni di euro.
Il governo Zapatero assicura che l’obiettivo della legge è ridurre il numero degli aborti e renderli più sicuri. I pro-life e la grossa fetta di società spagnola che non è d’accordo con la normativa (circa la metà della popolazione) non ci credono. Secondo diverse organizzazioni in difesa della vita, il vero motore della riforma sarebbe proprio la lobby delle cliniche private.
Lobby o no, gli imminenti guadagni sono una realtà. Indipendentemente dallo schieramento politico, diverse regioni di sinistra o di destra non cambieranno nulla a livello di sanità pubblica, nonostante l’entrata in vigore della riforma: gli aborti si faranno nelle cliniche private, come in passato. Anche perché nelle strutture sanitarie pubbliche, in tutta la Spagna, l’obiezione di coscienza ha un enorme peso: i medici non vogliono partecipare alle interruzioni di gravidanza. Se con la riforma aumenteranno gli aborti, come prevedono i pro-life, aumenteranno anche le pazienti che si rivolgeranno alle cliniche private.
Il caso della Navarra è il più noto: è l’unica regione dove l’obiezione di coscienza impedisce gli aborti sia nelle strutture pubbliche che nelle private. Le donne che vogliono interrompere una gravidanza vengono inviate a Saragozza, Madrid o nei Paesi Baschi. Nell’ultimo mese e mezzo una clinica privata di San Sebastian ha «assorbito» il 47% dei 97 aborti realizzati da donne navarre.

Fonti: Michela Coricelli de " L'Avvenire "

Street View sotto processo

Street View non ha pace in Europa: dopo le recenti polemiche sulla privacy sorte in Germania, adesso è la Spagna a mettere sotto accusa il servizio di Google.

Un giudice di Madrid, Raquel Fernandino, ha convocato a deporre il rappresentante legale spagnolo di BigG dopo una denuncia presentata dall'Associazione per la prevenzione e lo studio di reati, abusi e negligenze nell'informazione e le comunicazioni avanzate (Apedanica): l'associazione accusa il gigante di Mountain View di aver raccolto dati non autorizzati durante la sua mappatura della nazione iberica.
In particolare, durante la raccolta di immagini per Street View, i macchinari di Google avrebbero registrato e archiviato i dati di molti ignari utenti che erano in quei momenti collegati a reti Wi-Fi non protette. Tra questi dati figurano i numeri di rete, gli indirizzi Ip e Mac e i pacchetti di dati scambiati tra utenti, incluso la posta elettronica.
Dal canto suo, secondo alcune fonti, Google avrebbe ammesso di aver effettuato la raccolta, attribuendola però ad un errore di software. La società avrebbe per questo assicurato la sua massima collaborazione e l'impegno a cancellare i dati.

Il rappresentante legale del gruppo dovrà comunque presentarsi davanti al giudice il prossimo 4 ottobre.

Fonti: bitcity

giovedì 12 agosto 2010

Pol 3.14 - Bipolar

y sin dudar te sigo hasta el metro tribunal hasta el aeropuerto

para ver tumbaos en el suelo despegar un avion en el cielo

y sin dudar tu me plantas un beso quema gas huele a queroseno

que mas da yo respiro tu aliento y ademas razones que huyeron

y volar...

(Bipolar, pol 3.14)


" El cielo es una red cuajada de peces sombrìos.

Aquì vienen a dar todos los vientos, todos. "


e oggi, io, mi sento ciascuno di questi pesci.

martedì 10 agosto 2010

Sin mirar atràs - David Bisbal



Che sia pijo, che se la tiri, ... a me David Bisbal piace da morire.
Questa canzone ha accompagnato le settimane a Valencia e a tutt'oggi non riesco a non ascoltare quest'ultima canzone!

De rodillas a dios pido perdón, por perder tantos años de tu amor;
Melodía de ti para escuchar, para seguir, sin mirar atrás!

Valencia, due parole veloci post - viaggio

Posso serenamente dire che il mio soggiorno a Valencia ha superato di gran lunga le mie aspettative.

La città è un concentrato di forme architettoniche, vecchie e nuove, e che non contrastano tra di loro: lo storico Mercado Central, la Lonja ( Patrimonio culturale dell'Unesco) , la Catedral, la Basilica de la Virgen de los Desamparados (quest'ultima tanto importante da essere stata inserita nell'elenco delle "sante vergini" nelle litanie religiose di Spagna; si da il caso che la basilica stessa venne costruita sullo stesso luogo in cui il primo " desamparado " , un bimbo orfano e senzatetto, venne preso in cura da due parroci valenciani e che, con lo scopo di potergli dare riparo, essi edificarono il primo rifugio per persone in tali situazioni. A questo episodio ne successero molti altri, ed è per questo che la Virgen de los Desamparados, sinonimo di missione, di impegno concreto, di attenzione ai poveri, viene oggi riconosciuta come una delle maggiori figure mariane della chiesa spagnola) . Come non nominare il Santo Grial e la grande figura di San Vicente Ferrer, martire protettore della città (qualcuno addirittura lo ritiene santo di Spagna al posto di Santiago matamoros) del quale si presume essere il braccio mozzato contenuto in una teca nella Basilica: egli predicò molto in spagna e in francia, lasciando ai posteri un grande esempio di frate carismatico e forte. Paulino, la guida che ho accompagnato durante l'escursione di mezza giornata nel centro storico della bella città, ci raccontava un aneddoto simpatico su Vicente Ferrer: quando un marito o una moglie si lamentavano perchè tra di loro non c'era comunicazione, perchè non riuscivano a trovare un accordo e vivere così in serenità, lui rispondeva dando un'ampolla d'acqua santa alla moglie. " Lascia che tuo marito si sfoghi e parli e predichi quanto vuole, e mentre fa questo ungiti la bocca d'acqua santa e rimani in silenzio. Quando avrà finito toccherà a te parlare, e allora sarà il momento in cui devi pretendere che sia lui a rimanere in silenzio, bagnatosi anch'esso le labbra con dell'acqua santa!"
La predicazione di San Vicente costituì una grande prova nei dibattiti e negli studi sulla lingua catalana e valenciana. Molte ipotesi sostengono che all'arrivo di Jaime II (re aragonese che scacciò gli arabi, il nome Valencia prende proprio dall'aggettivo " valente " - il coraggioso, la coraggiosa) in terra valenciana (1238 dc. se non erro) , gli abitanti del posto non sapevano assolutamente articolare le parole, erano per così dire " incivilizzati " . Invece altre ipotesi sostengono che i valenciani sapessero già la lingua catalana, quella stessa lingua che veniva parlata nella provenza, nella spagna orientale, in parte della corsica, nella costa occidentale italiana (teorìa occitanista) : non per niente quando san Vicente Ferrer si spinse in provenza per esporre i suoi punti religiosi, padrone solo della propria lingua catalana, i provenzani furono stupiti per aver potuto capire tutto ciò che il martire diceva. La lingua era la stessa, ai valenciani nessuno insegnerà come parlare.

Il nome di Santiago Calatrava è forgiato nella città di Valencia, tutti noi abbiamo presente la Ciudad de las Artes y de las Ciencias. Un complesso ultra-moderno e piacevolissimo da vedere, per passeggiarci attorno e lasciarsi incantare da tanta modernità che non riesce a stonare in una città tanto storica. Il museo delle scienze, l'emisferico, l'oceanografico, le proiezioni documentarie,... vale la pena soffermarsi lì e approfondire la conoscenza di ogni singolo edificio. Comunque, preferisco sempre altre tipologie di paesaggio: Puig, la cittadina antica a 30 minuti di treno da Valencia, dove ho potuto assistere ad una simpatica ruta teatralizada; Alboraya, che avrei tanto voluto vedere, patria dell'horchata, la tipica bevanda valenciana che tanti traducono erroneamente con " orzata ". L'horchata è un latte vegetale che si ottiene a partire dalla chufa (hanno la forma dell'uvetta passa, ma hanno gusto di arachide... ma neanche, hanno un gusto tutto particolare, per questo sono irriproducibili in qualche altra parte d'europa. furono gli arabi ad introdurla in Valencia, in Alboraya per l'appunto, per la terra particolarmente sabbiosa e salata, attorno al 700) , acqua e zucchero. E' un prodotto 100% vegetale, dunque contiene anche molte proprietà antiossidanti e proteiche. Valencia è coperta dei famosissimi carritos " mòn orxata " , i veri produttori di horchata, che te la vendono a 2 euro al bicchiere: abbastanza sì, ma è talmente buona... i valenciani dicono che basta un bicchiere della dolce bevanda per farti sentire sazio e per far scomparire la fame. Beh, è vero! è nutriente più del latte, e si sente! Cosa andrebbe mangiato assieme? I fartons, dolci con la pasta di bollos, di brioche per intendersi, che hanno una fine glassa zuccherata sopra. La fine del mondo,... così come gli aranci, gli uliveti, il riso, la paella, il loro cibo leggero e mediterraneo.
Ricordiamoci comunque che Valencia è una città, ma la Comundidad Valenciana è un'altra. Che esistono anche le provincie di Castellòn e di Alicante, che andrebbero visitate tutte per poter dire di conoscere davvero la regione (due settimane sono state molto poche, considerando che ero impegnata tutto il giorno e che solo nel fine settimane ho potuto " esplorare " un pò la città y alrededores)

Conclusione " panoramica " (approfondirò altre mille cose non appena avrò un attimo di tempo per poterlo fare...) delle mie impressioni su Valencia: mi piace, pulitissima e molto vivibile (efficienti i bus, anche i metro, nonostante abbia avuto la sorpresa l'ultimo giorno mentre raggiungevo l'aeroporto... sigh) ma preferisco la Castilla. Sono sempre di più per la Spagna " verace " del centro, del sud, (anche se vi sono tutte le eccezioni e distinzioni) e non finirò mai di dirlo.

Qua e là vi ho postato delle foto fatte durante la trasferta.
:-)

http://www.youtube.com/watch?v=IbHBBHSOlb0&feature=related (un video breve, molto carino)

giovedì 5 agosto 2010

Agosto - F.G.Lorca


Agosto.
Contraponientes
de melocotón y azúcar,
y el sol dentro de la tarde,
como el hueso en una fruta.
La panocha guarda intacta
su risa amarilla y dura.
Agosto.
Los niños comen
pan moreno y rica luna.

De: Canciones
Federico García Lorca

lunedì 26 luglio 2010

Excursiòn a Castellòn - Valencia

Pubblicizzo anche io mediante il mio blog gli eventi che l'agenzia turistica TURIART in Valencia (dove sto svolgendo lo stage) sta proponendo.

L'escursione è a Castellòn, una delle tre province della Comunidad Valenciana e qui di seguito trovate le informazioni.
Per tutti voi che siete a Valencia in quest'istante, prendetela in considerazione ;-)


L'escursione è programmata per mercoledì 28 luglio, 18 e 25 agosto.

Si parte da Valencia alle

9.00h da C/Xàtiva (davanti al Renfe)
9.20h. fermata all'entrata di Port Saplaya (benzinaio BP)
9.50h. Fermata in Canet d'En Berenguer

Arriveremo circa alle 10.30h in Vilaflàmes, dove approfitteremo di una visita guidata nel bel paesino. Continueremo poi con una visita alla Fabrica de Turrones San Luis, dove visiteremo dapprima il museo e poi apprenderemo la forma con la quale questo dolce viene elaborato. Concluderemo la visita con una degustazione di torrone, inclusa nel prezzo.

29 euro a persona, 20 per i bambini dai 4 ai 12 anni

Doveroso prenotare almeno 2 giorni prima, e il prezzo comprende l'autocar per il trasporto del gruppo, la guida accompagnatrice, i biglietti d'entrata e la degustazione del torrone.


La excursión está programada para el mièrcoles 28 de julio, 18 y 25 de agosto

Salida Valencia a las

9.00h. C/Xátiva (frente Renfe)
...9.20h. Parada en la entrada de Port Saplaya (gasolinera BP)
9.50h. Parada en Canet d'En Berenguer

Llegaremos sobre las 10.30h a Vilaflámes, donde disfrutaremos de una visita guiada en la bella población. Continuaremos después con una visita a la Fábrica de Turrones San Luis, donde visitaremos primero el museo, y aprenderemos la forma en que se elabora este famoso dulce. Terminaremos la visita con una degustación de turrón, incluida en el precio.

Esteremos de regreso en Valencia alrededor de las 14.00h.

PRECIO
29 euros por persona
20 euros para los niños ( 4 - 12 años )

Es imprescindible reservar al menos 2 dìas antes.

El precio incluye autocar para traslados del grupo, guìa acompañante, entradas y gestiòn de reservas, degustaciòn de turròn.



TURIART
NUEVA DIRECCIÓN: C/Editor Cabrerizo, 3 bajo izda
46001 Valencia (España)
Tlf. +34 96 3520772 - Fax. +34 96 3517908

http://www.turiart.com/

sabato 24 luglio 2010

Buone vacanze!

Destinazione: Valencia



Il segreto delle vacanze è sempre quello di farsi meravigliare...


Ovunque voi andiate,

buon viaggio!

domenica 18 luglio 2010

Ya falta menos!

Si conclude da poco la feria di San Fermìn, feria che raduna ogni altro luglio centinaia e centinaia di aficionados. Aficionados che quasi sempre sono presenti all'appello, altre volte no. Pietro scrive una nota post-Pamplona: a differenza dello scorso 2009 non è potuto esserci, ma conta già al rovescio in attesa dell'evento nel prossimo anno.

" E’ iniziato il conto alla rovescia.
Ya falta menos, come grida l’alcalde di Pamplona poco dopo la mezzanotte del 14 luglio, pochi minuti dopo il pobre de mi che segna la fine della festa.
Ya falta menos perché anche se ancora non ci si è ripresi dopo 204 ore di follia già si pensa al prossimo anno e al prossimo San Fermin, ...soprattutto per chi è abituato ad essere lì in questi giorni e che purtroppo, per impegni lavorativi, quest’anno non ha potuto esserci.
Ya Falta menos, come appare sul nostro screensaver che giornalmente ci comunica i giorni, le ore, i minuti e i secondi che mancano al Chupinazo 2011.
Ya falta menos perché il prossimo anno saremo sicuramente a Pamplona e sin da ora, a distanza di 353 giorni e alcune ore, iniziamo già a pregustare ciò che accadrà; e pian piano vedremo scorrere le date importanti che scandiscono il cammino verso il 6 luglio.
Anno nuovo vita nuova: è il primo luglio che inizia l’escalera, la simpatica canzone che viene intonata anche durante il chupinazo. UNO DE ENERO DOS DE FEBRERO TRES DE MARZO QUATRO DE ABRIL CINCO DE MAYO SEIS DE JUNIO,... assaporiamo l'avvicinarsi della festa per ognuna delle date citate, proprio mentre a Pamplona viene detta una messa nella chiesa di San Lorenzo, chiesta che ospita la cappella con la statua di San Fermin.

A gennaio/febbraio escono i nomi delle ganaderias de toros, ...speriamo sempre che vi sia qualche nome nuovo di fianco ai soliti Miura, Dolores Aguirre e Cegada Gago.
Poi ci sono i 100 giorni.

Poi pian piano usciranno i nomi dei toreri, il programma con le varie charangas che si alterneranno nei vari palchi; e faremo rifornimento di vino e di alcolici vari, e poi partiremo magari un paio di giorni prima per gustare doverosamente la città prima della festa.
Infine il 6 luglio alle 12 in punto, quando finisce il nostro conto alla rovescia, si alzerà un petardo verso il cielo e migliaia di mozos di bianco vestiti esulteranno come ha esultato una nazione intera sul gol di Iniesta…E da li un salto alla fuente de Navarreria, poi la processione, le varie corride, i bar, i gigantes, le notti insonni, il Gaucho, i concerti, i polli alle 3 di mattino, i churros alle 9 dopo l’encierrro, las dianas alle 6 tutte le mattine, le vaquillas, i recortadores, le peñas, il toro de fuego, il Bar Iruña, la Jarana, El Juli, i novilleros, i pastores, la Txistorra, le cañas, altre cañas, l’andanada del sol, El rey, No hay tregua, i fuochi artificiali, il Riau Riau, i porchettari in mezzo alla via alle 5 del mattino, un cuore felice, un fegato moolto infelice e poi il Pobre de mi e l’ennesimo YA FALTA MENOS! "

sabato 17 luglio 2010

Noche

Nella notte si adunano le mie idee, nel profumo del vento ritrovo il sogno.
Il vento mi riporta cose lontane; appollaiata sulla sedia di un pub, guardavo la calle Fuencarral sbocciare di visitatori, abitanti, mendicanti. Non vorrei che fosse più mattina, vorrei che questo istante segreto fosse per sempre contornato dai gerani rossi che respirano sul mio balcone, dalle cicale che friniscono tra le piante sudate; non vorrei che Madrid si svegliasse, vorrei percorrerla in silenzio, tra i taxi della Gran Vìa. Proprio come Bill Harford gira a piedi la New York notturna. Rumori lontani, risa, musica aflamencada che vibra e che vive: y pare Madrid!
Fermati, Madrid, che la notte è tutta una stella, che il vento caldo spira e in te i fiori dell'allegria si animano. Capisco che la vita è un eterno movimento, è bella la vita, ho bisogno che mi tocchi e che mi dia i suoi contatti: tu Spagna, sei uno di questi.

Se ti porgo un bicchiere di vino rosso, capirai che è per brindarti?
Se ti invio un bacio, capirai che è a lui che devi portarlo?


Es una libertad encarcelada, que dura hasta el postrero paroxismo; enfermedad que crece si es curada.
( Definizione d'amore - Quevedo )

giovedì 15 luglio 2010

Penelope su youtube

Che il mio mito mondiale sia Penelope Cruz, non è cosa nuova.
Bella, discreta, si fa poco vedere in giro e fa parlare molto poco di sè se non nell'ampia sfera del mondo cinematografico. Si è sposata due settimane fa alle Bahamas, in segreto, con Javier Bardem (lei è un mito anche per questo, si è scelta uno degli attori più affascinanti e talentuosi...sbav!! ) , altro pilastro della scena spagnola ( lei aveva avuto una storia di parecchi anni con Nacho Cano, il cantante del gruppo storico della movida, i Mecano, e una breve parentesi sentimentale con Tom Cruise -assieme fecero Vanilla sky, di cui il remake qualche anno dopo " Abre los ojos " di Amenabar- ) : il loro primo incontro avvenne nel film di Bigas Luna, Jamon jamon e nel 2008 assieme hanno recitato in Vicky Cristina Barcelona per la regia di Woody Allen.

In ogni caso, volevo condividere qui qualche video che ritrae Penelope.
Il seguente video mi ha incantata, complimenti a chi è riuscito a rendere la sua immagine così perfetta come quella che può ottenere un disegno digitale.



Pe cantando Volver, de Estrella Morente:


Javier e Penelope in un breve spezzone del loro primo film comune:


http://www.youtube.com/watch?v=6o1VzeuV0nQ video riassunto di qualche suo film

Infine, in inglese, una rapida intervista per il TheNewYorkTimes:

martedì 13 luglio 2010

Villa olè!

Il derechazo di Villa, che ripete due volte all'arrivo a Madrid (video nel post sotto!)




Qui le riprese della selezione in aereo:

Pepe Reina e l'arrivo dei campeones

Continuano i festeggiamenti in Spagna, voglio pensare che andranno avanti ancora per molto, che questa carica non si disperda negli anni. Ora anche la Spagna è nell'albo d'oro del mondiale, tanto quanto noi italiani, i tedeschi, i francesi, i brasiliani, gli argentini, gli uruguayani.

Seremos grandes, seremos fuertes, somos un pueblo, bandera de libertad, que viene y que va, que viene y que va...

Ieri sera l'arrivo dei campeones e la presentazione eccezionale del portiere del Liverpool, Pepe Reina, di ciascun giocatore della selezione. " Reina se supera a sì mismo " dice El pais (leggetevi lo speciale, merita)
Dieci minuti da rivedere e rivedere, che passeranno indubbiamente alla storia.



Ripropongo l'alzata della coppa da parte di Casillas e, sotto, l'arrivo dei 23 campioni all'aeroporto di Barajas: video che hanno e stanno attualmente facendo il giro del mondo.






Ultima chicca, a disfrutar!!!

lunedì 12 luglio 2010

LA SPAGNA VINCE IL SUO PRIMO MONDIALE

Per riportare le parole de El Paìs: " L'11 luglio del 2010 è già un giorno storico per lo sport nazionale. La Spagna ha vinto il suo primo Mondiale di Calcio in una finale " agònica ", con opportunità per entrambe le squadre, giocata duramente dall' Olanda. A quattro minuti dal finale del secondo supplementare, un gol di Iniesta fece il sogno realtà. "



Gli speciali de El Paìs(foto)
La videogalerìa




Dalla contentezza l'estremo difensore spagnolo Iker Casillas, non è riuscito ad evitare il bacio a Sara Carbonero, la sua fidanzata che andò ad intervistarlo nel dopo partita: :-)



Infine, se masticate un pò di spagnolo, leggetevi sempre dal solito sacrosanto quotidiano nazionale, l'analisi di ciascun componente della formazione (che io parteggi sempre per David Villa, è risaputo. El guaje è bravo, oltre che ad essere tanto, tanto, tanto bello!!! mannaggia!!!)

domenica 11 luglio 2010

Spagna e Olanda scaldano i motori

Stasera alle otto e mezza si giocherà la finalissima del calcio mondiale.

Nella sala stampa del Soccer City Stadium (dove si giocherà la partita) si presenteranno Del Bosque seguito da Casillas, Villa e Xavi. Del Bosque dice "Abbiamo 23 giocatori, e tutti possono giocare domani. Si affrontano due squadre divertenti, che meritano di essere qui. Il re ha chiamato, cosa ci ha detto? Si è congratulato per quanto fatto sinora, e ci ha incoraggiato in vista di domani sera. Se i successi di squadra possono favorire la coesione nazionale? Abbiamo giocatori provenienti da tutte le regioni spagnole, e si respira un clima di unità.
Lo sport aiuta, in questo senso. Sia Spagna che Olanda non hanno mai vinto un Mondiale, quindi la pressione sarà su entrambe le squadre. E l’Olanda non cambierà il suo modo di proporsi, contro di noi. Se abbiamo pronto un piano B, nel caso quello preordinato non funzioni? Certo, come detto abbiamo tante opzioni. Ma è una partita facile da preparare. Non c’è bisogno di motivare nessuno. Le mie sensazioni? Sarà calmo sino al fischio d’inizio, poi le cose cambieranno. Ma la calma me la dà la fiducia nei miei giocatori. Sneijder? Non abbiamo un piano specifico per limitarlo" seguito da Villa che sostiene "La Germania voleva giocare la palla in semifinale, siamo noi che l’abbiamo costretta a chiudersi in difesa, tenendo la palla. L’Olanda vuole attaccare, ma noi proveremo a tenere l’iniziativa, proprio come abbiamo fatto nell’ultima partita".


Infine anche Xavi rilascia alcune parole "Non vedo l’ora di scendere in campo. Ci sono tutti gli ingredienti per una grande finale. Proveremo ad imporre il nostro stile di gioco. Sono orgoglioso dei tanti giocatori del Barcellona che giocano in nazionale, e anche che lo stile di gioco del Barça sia quello da noi replicato qui in Sudafrica. I gol? Non ne abbiamo segnati molti, ma abbiamo sempre giocato un bel calcio, creando molte occasioni. Proveremo a migliorare la percentuale di realizzazione, domani, solo quella. Il miglior giocatore del Mondiale? Il più forte al mondo è Messi, però l’Argentina è uscita, e questo lo penalizza. Io voglio vincere il Mondiale, poi i riconoscimenti individuali (è in nomination, come Villa e Iniesta, ma anche Sneijder e Robben per il miglior giocatore ndr) arrivano di conseguenza. Se c’è un cambio della guardia a livello mondiale rispetto alle superpotenze classiche? C’è grande equilibrio, ma di sicuro noi meritiamo di essere in finale".


Fonti adattate: La Gazzetta dello Sport

sabato 10 luglio 2010

El viento en la isla - P. Neruda (recitata da Fehr, Manà)




...bajo tus grandes ojos,
por esta noche sola
descansaré, amor mío.

( " El amor es enfermedad que crece si es curada! " Quevedo )

venerdì 9 luglio 2010

San Gabriel ( Sevilla ) , dal R. Gitano, Lorca

E' per me il romance più bello del Romancero di Lorca.
Un gitano, bellissimo (leggete attentamente la descrizione iniziale, la trovo sublime) incarna la figura dell'arcangelo Gabriele che annuncia a Maria la nascita del salvatore: qui Gabriel è il patrono di Sevilla e annuncia ad una donna gitana la nascita di un figlio.

L'unica gitana felice che compare in tutta la raccolta.

A voi!


I

Un bello niño de junco,
anchos hombros, fino talle,
piel de nocturna manzana,
boca triste y ojos grandes,
nervio de plata caliente,
ronda la desierta calle
.
Sus zapatos de charol
rompen las dalias del aire,
con los dos ritmos
que cantan
breves lutos celestiales.
En la ribera del mar
no hay palma que se le iguale,
ni emperador coronado,
ni lucero caminante.



Cuando la cabeza inclina
sobre su pecho de jaspe,
la noche busca llanuras
porque quiere arrodillarse.

Las guitarras suenan solas
para San Gabriel Arcángel,
domador de palomillas
y enemigo de los sauces.
San Gabriel: El niño llora
en el vientre de su madre.

No olvides que los gitanos

te regalaron el traje.


II

Anunciación de los Reyes,
bien lunada y mal vestida,
abre la puerta al lucero

que por la calle venía.

El Arcángel San Gabriel,
entre azucena y sonrisa,

biznieto de la Giralda,

se acercaba de visita.

En su chaleco bordado
grillos ocultos palpitan.
Las estrellas de la noche
se volvieron campanillas.
San Gabriel: Aquí me tienes
con tres clavos de alegría.

Tu fulgor abre jazmines
sobre mi cara encendida.
Dios te salve, Anunciación.
Morena de maravilla.
Tendrás un niño más bello
que los tallos de la brisa.

¡Ay, San Gabriel de mis ojos!
!Gabrielillo de mi vida!,
Para sentarte yo sueño
un sillón de clavellinas.
Dios te salve, Anunciación,
bien lunada y mal vestida.
Tu niño tendrá en el pecho
un lunar y tres heridas.

¡Ay, San Gabriel que reluces!
¡Gabrielillo de mi vidal!
En el fondo de mis pechos
ya nace la leche tibia.
Dios te salve, Anunciación.
Madre de cien dinastías.
Áridos lucen tus ojos,
paisajes de caballista.


El niño canta en el seno

de Anunciación sorprendida.

Tres balas de almendra verde
tiemblan en su vocecita.

Ya San Gabriel en el aire
por una escala subía.

Las estrellas de la noche

se volvieron siemprevivas.

Soneto XVII - P. Neruda

No te amo como si fueras rosa de sal, topacio
o flecha de claveles que propagan el fuego:

TE AMO como se aman ciertas cosas oscuras,
secretamente, entre la sombra y el alma.

Te amo como la planta que no florece
y lleva dentro de sí, escondida, la luz de aquellas flores,
y gracias a tu amor vive oscuro en mi cuerpo
el apretado aroma que ascendió de la tierra.

TE AMO sin saber cómo, ni cuándo, ni de dónde,
te amo directamente sin problemas ni orgullo:
así te amo

porque no sé amar de otra manera,


sino así de este modo en que no soy ni eres,
tan cerca que tu mano sobre mi pecho es mía,
tan cerca que se cierran tus ojos con mi sueño.

lunedì 5 luglio 2010

Legge aborto: confermata

È entrata in vigore oggi in Spagna la nuova e controversa legge sull’aborto. Permetterà alle donne di interrompere la gravidanza fino alla quattordicesima settimana di gestazione o fino alla ventiduesima se il feto è gravemente malato. Anche alle minorenni, a partire dai sedici anni, pur senza il consenso dei genitori, che dovranno però essere informati dalle stesse.

domenica 4 luglio 2010

La luna - riflessioni

Il mio corso progredito di letteratura italiana (moderna e contemporanea) porta il nome di " La caduta della luna: Leopardi, Calvino e il racconto fantastico. "

La luna è stata tema ossessionante, di prosa così come di poesia. e non solo negli anni '60 (1969 scoperta della luna) ma anche molto molto prima, raggiungendo la figura poetica di Giacomo Leopardi. Il rapporto con la luna è un rapporto di insofferenza, una continua attrazione, pulsione nei confronti di quel corpo celeste indefinito e lontano: si pensi allo " Spavento notturno " , dove protagonista è Alceta, che sogna di veder cadere la luna.
" La luna - che - in mezzo al prato si spegneva annerando a poco a poco, e ne fumavan l'erbe intorno " : il sogno di vedere abbattuto quell'ente misterioso che " da nessuno cader fu visto mai se non in sogno ". Rabbia per non poter avere a che fare con la luna, desiderio di raggiungerla.
Desiderio d'eguagliarla, si prenda il famoso Canto del pastore errante... la luna guarda dall'alto indifferente, lei non soffre perchè non ha coscienza umana. " Dimmi, o luna: a che vale al pastor la sua vita, la vostra vita a voi? dimmi: ove tende questo vagar mio breve, il tuo corso immortale? " diceva il pastore mirandola. Nelle operette il Leopardi esprime tutta la sua curiosità nel sapere COSA c'è nella luna, non tanto CHI E' la luna: lei risponde sempre con nonchalance, di non soffrire tanto con quest'indomità voglia di conoscerla.
Calvino scrive interi dialoghi alla luna, nella raccolta " Cosmicomiche " . Allora te la paragona ad una quasi enorme forma di formaggio, tra le cui pieghe si forma della buona ricotta; sa profumo di salmone affumicato, la luna. Gli uomini si avvicinano a lei talmente tanto da poterci saltare dentro e rimanere là in piena forza di gravità, raschiando la superficie per prendersi appunto la già nominata ricotta ( " La distanza della luna " ) . Moltissime sono le affinità col mondo femminile, che Calvino vuole sottolineare... le donne hanno una sensuale sensibilità lunare: prendi " Le figlie della luna ", donne che si spogliano perchè sentono nei confronti della vecchia luna una forte pietas emotiva. Qui la luna è indifesa, fragile, la società consumista vuole toglierla dal suo posto in cielo e così ecco che le donne sono le uniche a comprendere il suo stato. La luna come persona, buona. Mi limito a citare solo queste due rappresentanze della nostra letteratura, ma ne andrebbero citate molte altre. Quel che si nota però, è che Leopardi si mantiene ironico, comico, affettuoso con la luna; Calvino invece vuole rappresentare la luna a 360 gradi e tutti quei miti che le persone le attribuirono nel tempo.
Tutto è però positivo. Casomai triste, malinconico... ma è uno stringere la mano alla luna. Risponde il Calvino ad Anna Maria Ortese: " Chi ama la luna, vuole entrare in un rapporto più stretto con lei, vuole vedere di più nella luna, vuole che la luna dica di più. "

Chi AMA la luna.

Passiamo ora alla letteratura spagnola, intendevo arrivare naturalmente ad una velocissima comparazione. Come sempre, tornano i topos estremi della morte e dell'amore. Becquer: " El rayo de luna " . Non vorrei scrivere rischiando di sbagliare, ma il protagonista era innamorato di un raggio di luna: la disperazione nella ricerca di quella che credeva essere la sua donna perfetta ed ideale e invece... era solo un effimero raggio di luna. La luna che inganna, che ha " un sorriso malevolo " (la Scarcìa,...) . E poi? poi tutti all'unisono diremmo che la luna si compiace nel vedere la morte del gitano. Luna che SALVA il gitano (por el monte oscuro baja Soledad Montoya..) perchè con la sua oscurità nasconde, occulta i movimenti, ma è anche luna che porta rappresaglie, che è sinonimo puro di morte, che risveglia la guardia civile sollecitando alla canonica persecuzione gitana.

Mi riferisco al Romancero Gitano tutto. Lorca temeva la luna. Nel Romance Sonambulo il gitano corre per poter vedere la sua amata, ma quando arriva lei è già morta: " verde carne, pelo verde! con ojos de frìa plata " . La frìa plata è il freddo argento, la gitana è su un terrazzo, morta, non può vedere e gli occhi sono aperti spalancati alla luna che li tinge d'argento.

La luna vino a la fragua con su polisón de nardos. El niño la mira, mira. El niño la está mirando. En el aire conmovido mueve la luna sus brazos y enseña, lúbrica y pura, sus senos de duro estaño.

ve li ricordate? I versi del Romance de la luna, luna. Luna, ballerina assassina che scende con la sua gonna di crinolino gonna ampia e trasparente e scende nella fucina dei gitani dove un bimbo la guarda e lei lo seduce e lui le dice di scappare di correre via che i gitani a momenti arrivavano l'avrebbero uccisa! Lei invece vuole ballare e i cavalli galoppano e raggiungono il bimbo che nella strofa finale se ne và mano per mano con la luna. E' forse morto? in questo caso la luna è presagio di fine. La luna fa a suo modo paura, seduce e inganna.
Chissà se Lorca guardava la luna, un 19 d' agosto di parecchi anni fa.

Per quanto io stia leggendo descrizioni ironiche, buffe, bizzarre sulla luna, resto fedele alla mia idea primaria di lei. Non voglio andare a prenderla, come fa Ivo Saltini alias Benigni in " La voce della luna " di Fellini. Non avrei neanche voluto sapere cosa c'è in quel " mondo altro ".

Non mi piace la luna, non mi piacerà MAI la luna.
Ascoltatevi la canzone qui sotto, sognateci sopra ;-)



ps. Hijo de la luna, Mecano: la mia personale, denuncia, ... alla luna.
ps. spero tu rimanga sempre nel sole, tu che mi hai lasciato il quattro luglio di dieci anni fa e che hai stampato su di me il tuo stesso sorriso.

A breve lo spettacolo Spagna - Germania

Resoconto del partidazo 1 a 0 della Spagna contro il Paraguay!

" JOHANNESBURG - Villa, Villa, Villa. Un morso collettivo e i quarti più sudamericani della storia diventano terra di conquista per l'Europa. Resta solo l'Uruguay. Il resto è il ruggito feroce di un continente fin qui bistrattato. La Spagna non tratta il Paraguay come la Germania ha trattato l'Argentina, che se l'è bevuta con la cannuccia. Ma vince e raggiunge in semifinale proprio gli splendidi ragazzi di Loew. Vince 1-0 in una partita sordida che poteva anche perdere, una partita che il Paraguay ha intelligentemente reso orribile per un'ora con l'obiettivo di smontare sul nascere ogni velleità spagnola. E che poi è stata sbloccata dal tocco magico dei sogni, da tutto ciò di cui il calcio può essere fatto. A volte. E tutto in mezzora.

Il ct del Paraguay Martino aveva abbandonato il 4-3-3 per posizionare Victor Caceres a metà campo con Riveros, Barreto più largo, un 4-4-2 sbilanciato a destra. La Spagna, non c'è dubbio, può sembrare un iceberg rosso contro il quale qualunque Titanic, anche battente bandiera paraguayana, rischia di schiantarsi. Del Bosque, per voce e piedi dei suoi conquistadores, opponeva Villa centrale offensivo e Torres ad allargarsi verso destra, alla Messi, anche qui un 4-4-2 sbilenco.

Ma è il Paraguay a iniziare più autorevole, con la forza della sua natura di squadra soffocante, fiducioso che il sale sparso dietro la porta non sia soltanto la peripezia esoterica di uno stregone. La Spagna fatica a trovare equilibrio. Anzi non lo trova affatto. Dopo dodici minuti Villa torna a sinistra, Iniesta a destra e Torres al centro. Il Paraguay pressa molto sulle fonti del gioco avversario, ovunque esse si manifestino. Del bioparco in cui è trasformato il campo dalle gabbie allestite dal Paraguay per bloccare Xavi, Iniesta e Alonso, la Spagna vede solo le sbarre. E quando prova il triangolo sente rumore di metallo. Tristezza per uno scatto di Torres al 24': non c'è. Il niño triste si riscatta due minuti dopo con il primo dribbling riuscito del suo mondiale, ma è singolare che ci si debba stupire. Al 28' tiro di Xavi che sfiora la traversa. Un minimo di vivacità in un match che si annuncia perverso lo renderebbe normale. Così è il Paraguay. Conscio dei propri limiti, che poi è la sua massima e unica, forse, virtù. Martino ha una frase sola: triplicare su chiunque finché c'è fiato. Col paradosso che Santana potrebbe portare in vantaggio i guardiani dello zoo in maglia a strisce biancorosse: ma non arriva di testa sul cross di Morel (34'). Spagnoli che tentano di allargarsi ma i presidi del nemico sono disseminati fino alla minuscola area del calcio d'angolo. Non avesse la maglia giallissima i paraguayani butterebbero un occhio anche all'assistente dell'arbitro. Sono addestrati al malessere altrui. Annullato un gol a Valdez ma in fuorigioco era Cardozo (42'). Bene però ha fatto l'assistente ad alzare la bandierina: non poteva sapere a chi sarebbe arrivato il pallone. Per 45' il portiere paraguayano Villar non è chiamato a un solo intervento.



Secondo tempo, esterno notte. La sensazione è che fin qui il Paraguay non abbia sbagliato niente. Ci vorrebbe una giocata, un'accelerazione importante, un jolly. La Spagna sta sbattendo contro un doppio muro, coi mattoni che corrono però. Paraguay come la Svizzera. Il pressing dei sudamericani, soprattutto su Xavi, è così perfetto che diventa quasi ridicolo: pare una recita. Esce Torres, invisibile, entra Fabregas, che in effetti è un po' assurdo sacrificare in panchina (per come sta rispetto a come sta Torres). Certo togliere un punta quando devi segnare. Però. Piqué si fa scappare in area Cardozo. Ecco la giocata che ci voleva. Ma al contrario, perché è una giocata stupida. Rigore per il Paraguay. Casillas addirittura blocca (13'). Cambio di fronte. Fallo di Alcaraz su Villa. Rigore per la Spagna. Ora è incendio puro. Xabi Alonso non è Cardozo. Gol. L'arbitro guatemalteco Batres però fa ripetere. Xabi Alonso diventa Cardozo. Villar para. Poi nella mischia forse un altro fallo da rigore su Fabregas. Pazzesco. Un'altra partita. Aperte le gabbie. Iniesta vicino al gol. Mulinelli in campo. Dopo gli altri tre quarti di finale, l'ultimo non poteva non avere sfumature epiche. Per non essere diverso. Adesso i numeri e le giocate, con più spazio per tutti, non si contano. E a velocità doppia. Dentro anche Pedro: sempre più Barcellona. Iniesta divora il Paraguay, libera proprio Pedro. L'epica non è una cosa da quattro soldi: palo. Riprende Villa, palo ancora. Poi la palla finisce dentro. Un trentottesimo minuto che sembra piuttosto un trentottesimo parallelo delle sfide del calcio nella sua più inspiegabile purezza. Potrebbe addirittura pareggiare Santa Cruz (44'). Era giusto finire col cuore a tremarella. Il Paraguay ha dato tutto. Semplicemente in commentabile, struggente, a fine partita, la scena di Ramos, Iniesta e gli altri che cercano di consolare Cardozo, disperato.

Spagna per la prima volta fra le prime quattro del mondo con la formula classica. Solo una volta, nel '50, in Brasile, le era riuscito di entrare nel girone finale del mondiale insieme con la padrona di casa, da cui però ne prese sei, l'Uruguay di Ghiggia e Schiaffino e la Svezia. Non è cosa da poco. Mai così alta. Senza offesa per l'Uruguay, che affronterà l'Olanda senza Suarez e Fucile squalificati, con Lugano in dubbio e Lodeiro fuori per infortunio, salgono le probabilità che una squadra europea vinca per la prima volta un mondiale fuori dall'Europa. Chi sia delle tre a questo punto dipenderà da Schewinsteiger, da Villa e da Sneijder. Quale delle tre? "

fonte: Enrico Sisti per "la Repubblica"