Cerca nel blog

domenica 4 aprile 2010

Felice Pasqua!

Sì, un pò in ritardo mi piazzo davanti al pc per augurare a tutti (tutti... i lettori che, passeggeri o stabili, danno un clic al mio piccolo spazio virtuale) un feliz dìa de Resurrecciòn.

Tempo fa Angel mi illustrava come si svolgeva la Semana Santa in Andalusìa, le processioni tradizionali che negli ultimi tempi forse hanno uno smalto più "pagano" che religioso, più laico e folklorico che cristiano. Ogni piccolo borgo e paesino è coinvolto dai rituali della festa pasquale e nelle chiese già a marzo gruppi religiosi o laici che siano, chiamati hermanidades o cofradìas de Semana Santa (il cui simbolo è la medalla de cofradìa o de hermanidad) , si preparano alle celebrazioni.
Scopo di questi gruppi è appunto quello di organizzare le processioni, ossia comprare immagini di Cristo o della Vergine e gestire il paso (la piattaforma dove viene collocata la statua del cristo) . Sotto a questo paso infatti ci staranno i costaleros, cioè gli uomini e le donne che trasportano il cristo per le strade a suon di musica. Esistono diversi tipi di Cristo: il Cristo del Perdon, il Cristo de la Borriquita (borriquita è un nome popolare, ma è dato alla statua perchè cristo cavalca un asinello. In realtà il vero nome sarebbe Confradìa de la triunfal entrada de Jesucristo en Jerusalem) . Una processione è chiamata del "Cristo de la buena muerte", anche se la gente è solita chiamarla del "Cristo del silencio" : tutto infatti si spegne, solo si ode il suono dei tamburi che marcano i passi dei costaleros che portano il paso e il rumore di catene dei nazarenos che sfilano. Davanti al Cristo sfilano i penitentes o nazarenos che sono soliti portare un cirio (cero) , un ramo di palma, una torcia e qualcuno si presenta incantenato. Il costal è un capo che va posto sulla testa e sulla nuca per proteggere i costaleros dal peso del paso; quest'ultimo può essere trasportato da sotto o dall'esterno (in questo caso non c'è bisogno di costal, di protezione per le spalle) . Le musiche che vengono suonate per l'occasione da vere bande, non sono propriamente "canzoni", ma sono le "marchas de semana santa" ( per i pasos del cristo ve n'è un tipo, per i pasos de la virgen ve n'è un altro ) .

Nel Domingo de ramos (la prima domenica della settimana santa) le processioni si svolgono sempre di giorno, anche se poi finiscono col terminare di notte... ; al contrario, il resto dei giorni dal lunedì al sabato santo le processioni sono rigorosamente di notte. Il giovedì santo sono dall'alba (da mezzanotte o dalle cinque del mattino) e la domenica di Pasqua sono a mezzogiorno.


Questo più o meno è alla base di ogni processione... l'esperienza più diretta è quella di vivere la semana santa in spagna, credenti o non credenti. Le foto nel post sono di Angel, che molte volte è stato "costalero" .

;-)

Nessun commento:

Posta un commento