Cerca nel blog

sabato 3 aprile 2010

Feria pasquale di Arles

Sta avendo luogo ad Arles, splendida città della Provenza, la "feria" più importante che vede come protagoniste corride portoghesi ( senza l'uccisione del toro) e spagnole.
Posso solo immaginare come la città si riempirà di colori e di vita, le bodegas del bel borgo verranno irrorate di turisti, di aficionados... così come bicchieri di sangrìa e birra irroreranno i loro volti d'un rosso di calore ed entusiasmo.

Retorica a parte, in cui quasi mai cado se non quando vago con la mente per luoghi in cui vorrei essere, associo Arles principalmente a Van Gogh che poco prima del novecento realizzò proprio nella cittadina molte pitture, dipinti. Arles dunque la immagino così, un susseguirsi di colline verdi adornate di ulivi, di vigneti... di pianure, con le spighe di grano che ondeggiano al vento. Vicoli stretti, ombrosi anche se non polverosi come le calles de barrios della Castilla...
Una tradizione imperiale-romana, che alla sua monumentalità affianca tutto il brulichio delle manifestazioni taurine, delle ferias.


Spettacoli taurini in programma sono (fate riferimento al post) :
- corride di tori: i matadores affrontano tori tra i 4 e 6 anni
- novilladas con picadores: i giovani toreri "novillos" affrontano affiancati da picadores, tori con meno di 3 anni
- novilladas sin picadores: i matadores novillos soli affrontano tori tra i 2 e i 3 anni
- corride di rejones: i cavalieri (rejoneador) di tori o dei toreri di novillos affrontano tori con meno di 6 anni
- le becerradas: professionisti o aficionados affrontano tori tra 18 e 24 mesi

Nessun commento:

Posta un commento