Cerca nel blog

venerdì 2 aprile 2010

Lorca eran todos - Pepe Rubianes

" Un giorno, al principio della guerra, ero affacciata alla finestra di casa e vidi passare un autobus che saliva per la collina, pieno di gente. Erano tutti diretti al cimitero, non sapevano di andare a morire, fucilati. Erano tutti felici, come in una gita.

Ad un certo punto uno di loro mi vide e mi chiamò per nome.

"Emilia!, Emilia! " mise la sua mano sul cuore e mi chiamò disperatamente!
"Emilia...!"



Il mio corpo si piegò di dolore. Era Federico? Non lo seppi mai.


Pero da igual. Perchè LORCA ERAN TODOS. "


Rappresentazione teatrale di Pepe Rubianes, che ha avuto il suo "estreno" nel 2006.

Una vera e propria "orazione funebre" in omaggio a Federico Garcìa Lorca e a tutti i democratici che trovarono la morte durante la guerra civile; la rappresentazione vuol essere più un documentario, attraverso testi e studi di storici, su ciò che ancora oggi rimane un mistero, ossia la morte a soli 38 anni del poeta granadino.
Sul palco vi sono 10 attori e una ballerina (interpreta la morte, che si avvicina a passi di flamenco) , che danno vita ai personaggi che vissero il "calvario" di Lorca: Lorca nel '36 a Madrid, Lorca a Granada sempre nello stesso anno, Lorca minacciato, Lorca nascosto nella casa dei Rosales, la detenzione e infine, la morte.

Esemplare, a mio parere. Importante è non perdersi il filo della storia, ma è il primo accesso al mistero della morte di Garcìa Lorca (altro significativo documentario è "El mar deja de moverse", sorprendentemente specifico riguardo alla vita e all' "intorno" del poeta. Ne parleremo... ) : uno dopo l'altro i personaggi intervengono in un folle botta e risposta e a fine storia l'ascoltatore si ritrova a conoscere perfettamente il susseguirsi del fatto, come se avesse letto un libro dettagliatamente documentato e criticato.

Per ora vi consiglio di vedere questo "Lorca eran todos"; ora non so se si riesce anche a trovare una versione italiana in quanto io come sempre mi guardo tutto in lingua (qui tra l'altro una splendida attrice fa la parte del poeta interpretando anche un magnifico esempio di cadenza andalusa) ...vi lascio qui i personaggi della vicenda reale riguardante la morte di Garcìa Lorca, rappresentati appunto dai 10 attori teatrali:

FEDERICO GARCÍA LORCA

LUÍS ROSALES : amico personale del poeta, granadino. Poeta, professore, fu anche Premio Cervantes per la letteratura. Garcìa Lorca si rifugiò presso di lui durante gli inizi della repressione granadina.

ESPERANZA ROSALES : sorella di Luìs, fu testimone degli ultimi giorni della vita di Federico nella casa familiare.

MIGUEL ROSALES : fratello maggiore di Luìs, falangista. Accompagnò il poeta al Gobierno Civil, con l'intenzione di proteggerlo.

JOSÉ ROSALES “PEPINIQUI” : il più importante membro dei fratelli Rosales, in quanto alta carica della Falange granadina. Inutili i suoi sforzi per salvare il poeta.

JOSÉ CABALLERO : pittore amico di Lorca. Testimone degli ultimi giorni di vita del poeta a Madrid.

MARGARITA XIRGU : grande dama della scena spagnola e amica di Federico. Il poeta doveva accompagnarla durante il tour americano nel quale la attrice avrebbe dovuto rappresentare delle sue opere (la casa de bernarda alba,...) . Alla fine, Lorca rifiutò l'invito.

ISABEL GARCÍA LORCA : sorella maggiore del poeta, molto legata a lui. E' stata presidente della
Fundación García Lorca fino alla sua morte recente.

RAFAEL MARTÍNEZ NADAL : professore e amico del poeta. Fu depositario dei manoscritti di EL PÚBLICO quando Lorca andò verso Granada, ad incontrare la morte.

QUEIPO DE LLANO : generale nazionalista responsabile di Andalucìa. Conosciuto per la sua brutalità senza limiti, era conosciuto per le sue popolari offese radiofoniche nei confronti di democratici e repubblicani.

RAMÓN RUÍZ ALONSO : uno dei più importanti membri della repressione granadina. Fu diputato della CEDA (derechas autonomas...) e responsabile della detenzione e morte di García Lorca.

JOSÉ VALDÉS : comandante dell'esercito, governatore civile e massimo responsabile delle uccisioni a Granada. ( "Lo echò Franco POR ANIMAL" )

FRANCISCO FRANCO (solo nominato)


Quest'opera parla ai cuori che trasudano "Federico".


Nessun commento:

Posta un commento