Cerca nel blog

sabato 10 aprile 2010

Real-Barça: la Spagna si ferma

Nessuna partita è mai stata così importante per la Liga. Real Madrid e Barcellona arrivano tanto uguali in classifica (77 punti ciascuno conquistati in 30 partite) che il Clàsico di questa notte si è convertito in una finale, una partita definitivi. Per molti questa è la grande finale che avrebbe dovuto disputarsi alla Champion's League del 22 maggio, tuttavia l'incontro di oggi può servire da buon sostituto.

Mancheranno due stelle, Kakà da una parte, Ibrahimovic dall'altra: i due 'ex italiani' alle prese con infortuni muscolari, non sono stati convocati per la sfida e stasera si accomoderanno sulle tribune del Santiago Bernabeu per seguire da spettatori quella che i media spagnoli hanno già ribattezzato la parita del millennio. Non vengono comunque risparmiati talenti come Cristiano Ronaldo e Lionel Messi.

Nella storia della Liga il Real Madrid ha vinto contro il Barca 50 volte in casa, contro le 15 vittorie blaugrana e i 14 pareggi realizzati al Bernabeu nella storia del "clasico".
Le due squadre sono anche quelle che in Europa hanno totalizzato più punti, mai Real e Barca si erano infatti scontrati quando pareggiavano con così tanti punti (77). «Pareggiare è sempre un cattivo risultato», ha premesso ieri Manuel Pellegrini, assicurando che la sua squadra «scenderà in campo cercando la vittoria». Da Barcellona gli ha risposto Pep Guardiola: «dobbiamo giocare come se fosse una finale», ha detto.

Anche per questo, quella di oggi, sembra proprio che sarà "la partita delle partite".

Il match sarà seguito in tutto il mondo, fischio d'inzio alle 22.

Sarà in diretta sul canale spagnolo LA SEXTA.

Nessun commento:

Posta un commento