Cerca nel blog

venerdì 14 maggio 2010

San Isidro 2010, i festeggiamenti

San Isidro (Isidro de Merlo y Quintana, detto nazionalmente Isidro Labrador) è il sacrosanto patrono di Madrid, che nasce proprio a Madrid nel 1080 e muore il 15 maggio del 1130. Sposato con Maria de la Cabeza, divenuta anche lei santa, Isidro dedica la vita alla preghiera e all'agricoltura. E' santo per il numero di miracoli conseguiti, tra cui vengono ricordati i più famosi (non ci metto alcuna ironia nel post, prendiamo tutto come amore per la cultura :D ) : il miracolo del pozzo, secondo cui egli avrebbe salvato un bimbo caduto nel pozzo a suon di preghiere, facendo salire il livello dell'acqua... e il miracolo degli angeli, i quali molto spesso avrebbero arato il campo al posto di Isidro, per poter lasciargli il tempo di pregare.

San Isidro viene infine canonizzato dalla chiesa nel 1622 ed è festeggiato a Madrid ogni 15 maggio. Per l'occasione si alternano feste, processioni, mostre, danze, concerti, BOTELLONES, mercatini, eventi, le tradizionali corride di San Isidro en Ventas (che durano quattro settimane)
... il Pregòn, discorso pronunciato da qualche noto personaggio cittadino, dà inizio ai festeggiamenti che durano una settimana intera e viene accompagnato da due giorni di sfilate di Gigantes e Cabezudos.



Tipiche le danze e gli spettacoli in abiti tradizionali, molto rinomato rimane il chotis, ballo tipico che viene ballato dalla coppia faccia a faccia, e le donne sono solite indossare uno scialle di Manila, mentre gli uomini portano una parpusa, tipico copricapo madrileno simile alla coppola (deliziosi!!!)
Tradizionale è anche il Castizo, abito tipico che utilizzano i madrileni nel giorno della festa in questione (anche qualche bimbo viene vestito così!) , per attraversare il Puente de San Isidro e raggiungere così la cappella intitolata a San Isidro.

Se per los Reyes abbiamo el Roscòn, i dolci che si preparano il 15 maggio sono preferibilmente le rosquillas de San Isidro, ciambelle con sopra bianco d'uovo che si mangiano dopo aver fatto omaggio alle reliquie del santo nella cappella, aver baciato le sue spoglie e bevuto l'acqua della sua fonte (se trovo il tempo oggi provo a cucinarle, se vengono bene poi metto la ricetta trovata!)

QUI il sito della festa di San Isidro con programma. Leggetelo anche se non potete assistere agli eventi (cosa pagherei per poterlo fare!!) ... un gusto vedere quante parentesi di cultura, spettacolo, intrattenimento, Madrid può offrire.




Guardate che clima di sagra qui... aùpa San Isidro!

Nessun commento:

Posta un commento