Cerca nel blog

domenica 11 luglio 2010

Spagna e Olanda scaldano i motori

Stasera alle otto e mezza si giocherà la finalissima del calcio mondiale.

Nella sala stampa del Soccer City Stadium (dove si giocherà la partita) si presenteranno Del Bosque seguito da Casillas, Villa e Xavi. Del Bosque dice "Abbiamo 23 giocatori, e tutti possono giocare domani. Si affrontano due squadre divertenti, che meritano di essere qui. Il re ha chiamato, cosa ci ha detto? Si è congratulato per quanto fatto sinora, e ci ha incoraggiato in vista di domani sera. Se i successi di squadra possono favorire la coesione nazionale? Abbiamo giocatori provenienti da tutte le regioni spagnole, e si respira un clima di unità.
Lo sport aiuta, in questo senso. Sia Spagna che Olanda non hanno mai vinto un Mondiale, quindi la pressione sarà su entrambe le squadre. E l’Olanda non cambierà il suo modo di proporsi, contro di noi. Se abbiamo pronto un piano B, nel caso quello preordinato non funzioni? Certo, come detto abbiamo tante opzioni. Ma è una partita facile da preparare. Non c’è bisogno di motivare nessuno. Le mie sensazioni? Sarà calmo sino al fischio d’inizio, poi le cose cambieranno. Ma la calma me la dà la fiducia nei miei giocatori. Sneijder? Non abbiamo un piano specifico per limitarlo" seguito da Villa che sostiene "La Germania voleva giocare la palla in semifinale, siamo noi che l’abbiamo costretta a chiudersi in difesa, tenendo la palla. L’Olanda vuole attaccare, ma noi proveremo a tenere l’iniziativa, proprio come abbiamo fatto nell’ultima partita".


Infine anche Xavi rilascia alcune parole "Non vedo l’ora di scendere in campo. Ci sono tutti gli ingredienti per una grande finale. Proveremo ad imporre il nostro stile di gioco. Sono orgoglioso dei tanti giocatori del Barcellona che giocano in nazionale, e anche che lo stile di gioco del Barça sia quello da noi replicato qui in Sudafrica. I gol? Non ne abbiamo segnati molti, ma abbiamo sempre giocato un bel calcio, creando molte occasioni. Proveremo a migliorare la percentuale di realizzazione, domani, solo quella. Il miglior giocatore del Mondiale? Il più forte al mondo è Messi, però l’Argentina è uscita, e questo lo penalizza. Io voglio vincere il Mondiale, poi i riconoscimenti individuali (è in nomination, come Villa e Iniesta, ma anche Sneijder e Robben per il miglior giocatore ndr) arrivano di conseguenza. Se c’è un cambio della guardia a livello mondiale rispetto alle superpotenze classiche? C’è grande equilibrio, ma di sicuro noi meritiamo di essere in finale".


Fonti adattate: La Gazzetta dello Sport

Nessun commento:

Posta un commento