Cerca nel blog

sabato 15 gennaio 2011

Yerma - la tragedia

El soplo de la vida.
Veinte años, que verdaderamente no es nada.

Quanti anni aveva, Yerma, per essere stata così sicura di ciò che voleva?
Che sicurezze l'hanno portata a compiere una follia simile?


Chi è Yerma?
Oramai sarete stanchi di sentirla nominare, o almeno ne sono convinta io, che spesso mi ritrovo a rileggerne il dramma o spezzoni di questo, nella mia Obra poetica integrale di F. G. Lorca (che strano, eh?) :-)


Leggendo Yerma avverto il respiro dell'Andalucìa, respiro che sa di terra, di valori, sa di morte, sa di passione. Sa di ... tradizione. Sa di " non bere dall'acqua del pozzo, per paura che questa sia avvelenata ". Sa di feconditá... il tema centrale di quest'opera teatrale-popolare che sviluppa una tragedia d'ambiente rurale. Mi incantano la struttura e le immagini di questo dramma, per l'intarsio che Lorca dà ai dettagli, ai simboli. Vediamone assieme qualcuno:
- i soliti riferimenti all'acqua, della pioggia o della fonte, che rappresentano la feconditá
- l'acqua corrente e il latte, che sono la speranza di una donna nel poter essere incinta
- i fiori (rosa in particolare) , l'allegria prima della maternità
- al contrario la roccia, la siccità, la sabbia, le ombre.. simbolizzano la sterilità, così come il muro che costituisce un ulteriore impedimento

Tornando alla trama, in sunto possiamo dire che Yerma è la storia di una giovane contadina, frustrata per non poter avere figli con suo marito, Juan. Centrale è questo conflitto interno di una donna sposata, che mira ad essere una donna completa soltanto nel concepimento di un figlio, che tenta di avere, infruttuosamente.
La tragedia di Yerma è annunciata dal suo stesso nome (yerma, arida come la sua terra andalusa) e materializzata nella possibile sterilità di Juan, che non può nè vuole avere un figlio: la tragedia sbocca nell'omicidio di Juan per mano di Yerma, accecata dalla rabbia per l'impotenza del marito.
Meraviglioso è notare come la risposta di Yerma a tale destino sia allo stesso tempo radicale e tradizionalista. Attraverso un gesto radicale si libera dalla sterilità di Juan, sebbene non sia la sua intima tragedia personale; d'altra parte, vi è la sua grande determinazione nell'uccidere colui che non partecipa al suo desiderio di ricoprire un ruolo praticamente imposto dalla società del suo tempo, essere madre. Vuole essere madre come tutte le donne che hanno a che fare con lei ogni giorno.

Voy a descansar sin despertarme sobresaltada, para ver si la sangre me anuncia otra sangre nueva.

Con el cuerpo seco para siempre.

¿Qué queréis saber?
No os acerquéis, porque he matado a mi hijo,

¡yo misma he matado a mi hijo!

(parole di Yerma prima della chiusura del terzo ed ultimo atto)



Sogno di vedere rappresentato il dramma a teatro.
Quanti anni ha voluto, Lorca, dare a Yerma?
...probabilmente quei pochi che bastano per percepire che es un soplo la vida.

Però non troppi per rendersi conto che veinte años no es verdaderamente nada.



4 commenti:

  1. No me había fijado en el simbolismo. Nunca lei nada a propósito de Yerma.
    Lo que sí pienso es que en Andalucía no hemos evolucionado tanto; casi estamos en la misma época en muchos sentidos.

    Besos con aire andaluz.

    RispondiElimina
  2. ...pues eso me encanta. Que habèis evolucionado es cierto, pero tampoco es para tanto: hasta la comida no quita el temblor de la sangre andaluza.
    Yerma quiere ser fecunda y en cambio acaba por ser arida, como su tierra.
    Lo que pasa es que Andalucìa me sabe a ... vida, me sabe a fecundidad.

    Siguo buscando interpretaciònes diferentes del drama, versos explicando su simbolismo (lo dicho, a propòsito de Yerma hay muy poco)

    BesiCos

    RispondiElimina
  3. Es la segunda entrada que leo tuya de Lorca. Si Bodas de Sangre no te dice nada más que "una obra escrita por Lorca", merece la pena verla representada.
    xxx

    RispondiElimina
  4. Hombreee, no es una 'obra entre tantas' de Lorca: es LA obra de Lorca. Me encanta èl, me encanta Yerma.

    Saludos!

    RispondiElimina