Cerca nel blog

sabato 7 novembre 2015

Di una venuta al mondo il 3 di Novembre

E così sei nato tu,
a ricordarci di quanta luce può fare la vita
...adesso che in punta di piedi hai scelto di farci visita.


Cosa mi hai detto il giorno in cui i tuoi enormi occhi neri hanno incrociato i miei? Dovevo leggerti il labiale e con grande sforzo ho capito che mi chiedevi un semplice sorriso.
Come avrei potuto non regalartene uno, cento, millecento sorrisi a darti il benvenuto al mondo?
Profumavi della nostra pelle, profumavi anche di Acqua di Colonia e roteavi quegli occhi prima su di me, poi su tuo padre. I pugni e le labbra chiusi, boccioli in procinto di germogliare.
Ci hai suggerito di guardare fuori.
Fuori il sole era alto nel cielo terso, le rondini volavano come grandi tappeti neri su pareti di lapislazzuli e, poco sotto, l'arancio infuocato dell'autunno. 
Lì, allora, hai sorriso anche tu, guardando in alto, allungando le gambine; io e tuo padre ti abbiamo ringraziato.
Quello che hai detto dopo, però, non l'abbiamo capito. Abbiamo pensato fosse la lingua degli angeli, prima che imparassi la nostra...e più parlavi, più quella polvere di stelle ti si posava sulla copertina azzurra ed io mi voltai e vidi che anche tuo padre ne era interamente coperto. Io mi accontentavo di vedermela sulle spalle, così leggera, così vellutata. 
Hai per caso dato tu il comando di farla scendere?

La polvere è caduta fino al giorno in cui tutti lasciammo l'ospedale per tornare a casa.
Di te in quegli istanti, Sean, ricordo il sorriso compiaciuto e silenzioso: il sorriso di un soldato consapevole della sua missione, raggomitolato nella culla con solo gli occhi completamente scoperti. Non hai mai dato segni di sconsolazione.
Ti avventuravi sicuro nei primi giorni di vita. 

Eri felice che adesso anche la terra conoscesse il tuo nome.

2 commenti:

  1. cara Alice, che meraviglia il tuo racconto! mentre leggo molte emozioni affollano la mia mente e mi fanno ricordare! sensazioni difficili da esprimere, ma che piano piano affiorano in superficie. Girandole, rimescolamenti di ricordi! magia!
    grazie per avere descritto in modo tanto dolce e delicato un momento così pieno di gioia per la mamma, il papà, i nonni e tutti quelli che vogliono bene al piccolino

    RispondiElimina
  2. Cara Liliana, ti ringrazio tantissimo per il commento ma ancor di più l'esserti emozionata leggendo queste poche righe in riferimento a questo lieto evento. E' il regalo più grande!!!

    RispondiElimina